Comunicato ROI, FESIOS APO e AISO
22 Novembre 2019
“Sicurezza ed efficacia fondamentali per il riconoscimento della professione”
10 Gennaio 2020

Gli sviluppi dell’Osteopatia visti dal basso, attraverso l’esperienza delle scuole. Un viaggio che continua sul sito dell’AISO, con le parole del direttore di Chinesis-IFOP, Fabio Scoppa.

1. Cosa significa per gli osteopati l’attuazione del riconoscimento della loro professione?

  Attuare il riconoscimento vuol dire uscire da una situazione di scarsa chiarezza nella quale chiunque può millantare il suo essere osteopata o proporre formazioni monche ma, principalmente, significa essere riconosciuti come professionisti della salute al pari di altri professionisti; essere finalmente al riparo da accuse di abusivismo spesso connesse alla volontà di impossessarsi di quote di mercato create proprio dagli osteopati. Mercato creato dal nulla esclusivamente con la bontà del proprio lavoro, funzione, evidentemente, di una formazione di eccellenza.  

2. Qual è il contributo che le scuole possono dare all’attuazione?

  Il contributo che ciascuna scuola può dare è necessariamente continuare a proporre un’offerta formativa di eccellenza, a differenza di quelle nate come funghi nell’ultimo periodo. Una formazione coerente con i principii dell’Osteopatia. È fondamentale continuare a lavorare di concerto, facendo rete, anzi implementando maggiormente proprio i concetti di collaborazione e crescita comune. Farà la differenza proprio la capacità delle scuole di Osteopatia AISO di far tesoro dell’esperienza formativa, delle capacità di sintetizzare didattiche sviluppate nel corso degli anni. “Parliamo con una sola voce, diamo valore alla formazione” non è solo uno slogan, può essere il modo per continuare a far crescere all’esterno la considerazione che si ha degli osteopati e dell’Osteopatia. Le scuole hanno un patrimonio in termini di studenti e persone loro vicine che possono indirizzare, attraverso i social, per esempio, la visione dell’Osteopatia in un senso piuttosto che in un altro. Ecco, anche questo possono fare le scuole dell’AISO, un impegno maggiore in termini di visibilità sui social, produzione di contenuti comuni, anche in comune.  

3. Com’è cambiata la percezione dell’Osteopatia in Italia?

  I pazienti, oltre a essere aumentati di numero, si sono diversificati relativamente a classe sociale ed estrazione. Oltre alla già citata bontà del lavoro svolto, l’Osteopatia applicata allo sport e la diffusione di quest’ultimo sui media ha di certo contribuito a farla conoscere e apprezzare. Il successivo sviluppo dei social network ha probabilmente fatto il resto. Il recente studio sociologico promosso dal ROI un paio di anni fa ha certificato l’aumento degli italiani che si rivolgono a un osteopata e alla considerazione conquistata da questi nel corso degli anni.  

4. All’estero, laddove ha uno statuto diverso, come viene considerata l’attività degli osteopati?

  Dipende certamente dai singoli paesi. Dove è riconosciuta come professione sanitaria autonoma, l’osteopata ha di certo dignità professionale maggiore rispetto ai paesi nei quali l’Osteopatia è semplice specializzazione di altre professioni.  

5. Scuole di Osteopatia: patrimonio di sapere ed esperienza da salvaguardare, come farlo?

  Esiste, ben custodito negli hard disk, nei clouds e finanche in antiche VHS di osteopati e studenti, un patrimonio di filmati di lezioni di Osteopatia pratica e teorica. Insegnanti e osteopati che ormai ci hanno lasciato o che non insegnano più, insegnanti e osteopati di seconda, terza o quarta generazione che hanno raccolto la legacy di pionieri del calibro di Aoudouard, Cascianelli e altri. Oltre a questo esistono appunti, registrazioni audio o semplici dispense magari artigianali e rilegate con una banale spillatrice. Lì resiste un tesoro in fatto di didattica osteopatica e metodologia dell’insegnamento accumulato negli anni che rischia di andar perso. Il lavoro in network, auspicabile da tutte le scuole AISO, dovrebbe proprio riguardare tale aspetto. Nel rispetto dell’autonomia didattica propria di ogni singola scuola, trovare una linea guida comune didattico-metodologica a partire proprio da questo back up storico.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi